Capelli ricci: come prendersene cura al meglio
Capelli ricci, gioia e ossessione delle urls addicted. Sono belli da vedere ma vanno curati e gestiti. Tutti i segreti per una chioma riccia al top
ricci capelli, i capelli ricci
16143
post-template-default,single,single-post,postid-16143,single-format-standard,bridge-core-2.7.6,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.2.2,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-26.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-11405
Capelli Ricci Style

Capelli ricci: come prendersene cura al meglio

Come prendersi cura dei capelli ricci

I capelli ricci si sa sono belli da vedere ma impegnativi da portare e soprattutto da gestire.

Io ne so qualcosa di ricci perchè, in realtà, nasco riccia.

Non sono una super riccia però diciamo che la mia chioma è sempre stata folta e arricciolata.

Tra l’altro, una volta non c’era tanta attenzione e cura per questa tipologia di capello, così, mia madre, preferiva tagliarmeli, in modo da poterli gestire, soprattutto quando mi faceva il bagno.

Nel tempo, la filosofia dei ricci è diventata una vera e propria moda, imponendosi nel settore dei capelli come un vero e proprio must.

Se una volta, avere i ricci era una condanna adesso è diventata una benedizione.

Non esiste più tagliarsi selvaggiamente i capelli perchè non si sa come domarli anzi, le ricce ricce vanno fiere e orgogliose delle loro chiome, sfoggiandole a testa alta.

In questa rivoluzione, un ruolo importante lo hanno svolto le aziende di prodotti per capelli che hanno elaborato intere linee dedicate a questa categoria di capelli.

Non solo, negli ultimi anni anche le aziende, che si occupano di bio hanno lanciato linee per la cura e lo style dei ricci, con grande entusiasmo da parte delle green addicted.

Insomma, ricci e bio è un bel connubio.

Infatti, una volta, per ottenere un riccio definito si faceva ricorso a delle schiume che lasciavano però il capello duro, rigido.

Oggi, invece possiamo avere capelli ricci, definiti, luminosi e molto elastici.

Tipologie Capelli Ricci

Individuare la tipologia di riccio

Ci sono diversi tipo di capello riccio.

Da quello semplice, leggermente ondulato a quello afro.

Capello Riccio Afro

Ognuno va gestito in modo specifico quindi, bisogna che individuiate i prodotti più adatti al vostro capello e delineare una precisa hair care.

Poi c’è il famoso test per individuare il livello di porosità del riccio. É semplice e potete farlo anche da voi.

Prendete un capello, lavato con del semplice shampoo, senza balsamo. Immergetelo in un bicchiere di acqua a temperatura ambiente. Attendete qualche minuto e se il capello si ferma in superficie, allora i vostri capelli avranno una bassa porosità. Se rimangono a metà bicchiere vuol dire che hanno una media porosità. Se finiscono direttamente sul fondo avranno un’alta porosità.

Conoscere il livello di porosità spesso facilita l’individuazione degli ingredienti di cui il capello necessità e, di conseguenza, dei prodotti giusti.

Alla base di tutto, il comune denominatore è una corretta e accurata detersione. E’ fondamentale lavare bene i capelli e mantenere il cuoio capelluto pulito e idratato. Così come, importante è il balsamo. Due sono le linee che amo particolarmente per questo primo step e sono:

  • shampoo e balsamo solido (purificante e volumizzante) di Parentesi Bio clicca qui 
  • linea capelli ricci di Gyada Cosmetics clicca qui

Sono prodotti perfetti per una detenzione accurata di cuoio capelluto e capello, senza perdere però l’elasticità e il volume (due fattori essenziali).

Quando applicate il balsamo e siete in fase di risciacquo, l’ultimo getto fate in modo che sia con acqua fredda. In questo modo, chiuderete le cuticole del capello, trovando più facilità nel gestire il crespo in fase di style.

Quando avete terminato la detenzione, avvolgete i capelli in un asciugamano di spugna, tamponando leggermente ma non del tutto.

Fate in modo che restino bagnati, quasi grondanti a procedete subito con l’applicazione dei prodotti per lo style.

A questo punto potete sbizzarrirvi perchè c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Di sicuro, io vi consiglio di applicare, prima dell’asciugate un prodotto acido, tipo Acidella sempre di Parentesi Bio, in modo da sigillare il tutto e un termoprotettore.

Per quanto riguarda lo style, io procedo così:

  • pettino i capelli all’ingiù, districando bene e applico Alteazzosa, continuando a pettinare con le dita
  • applico Spirolì in Crema, sempre districando con le dita
  • infine, procedo con Spirolì in mousse, facendo scrunch.

Cosa vuol dire fare scrunch? Quando applicate il prodotti, in questo caso la mousse, partendo dalle punte, imprigionandole nel palmo della mano e chiudere muovendosi verso l’alto, in modo da “attivare” il riccio.

Ovviamente, neanche a dirlo, asciugate senza dubbio con il diffusore, impostando una temperatura medio bassa e alla massima potenza.

Inoltre, vi consiglio il sito afroricci.com, dovete potete addirittura fare un test, per individuare la vostra tipologia di riccio che vi rimanderà, attraverso un link, al pack di prodotti più indicati.

All’interno di questo sito, troverete anche referenze come gel e mousse da applicare sia durante l’asciugatura che dopo.

Trattamenti e tagli indicati per i capelli ricci

Un aspetto importante e che spesso viene sottovalutato è l’importanza di maschere e trattamenti per i capelli, soprattutto quelli pre shampoo.

Anche in questo caso, il ventaglio di scelta è davvero ampio.

Un aspetto, però, non deve mai mancare ed è quello della costanza. Se si decide di prendersi cura dei propri capelli ricci, bisogna farlo con convinzione e soprattutto, via la pigrizia e cercate di essere costanti perchè solo così vedrete risultati.

Stesso discorso vale per il periodo estivo. Mare, piscina, sole, salsedine, umidità e cloro non sono certo buoni amici dei capelli.

Usare protettori ed intensificare gli impacchi è quasi d’obbligo. Io, per esempio, prima di scendere in spiaggia, oltre ad applicarmi la crema protettiva, applico sempre anche qualcosa sui capelli, in modo da lasciare tempo per agire prima di espormi al sole o di fare il bagno.

Anche il taglio spesso incide sul volume della chioma.

Per esempio, portare i capelli troppo lunghi e di un’unica lunghezza, vi darà un risultato non dei migliori. Questo perchè il capello si appesantisce e tende a scendersene.

Se volete un riccio bello vaporoso, l’ideale è un taglio scalato (ovviamente scegliete un bravo e competente parrucchiere).

La scalatura, in questo caso, vi garantirà il giusto volume che dipenderà dal tipo di riccio.

Taglio Capelli Ricci

É chiaro che non dovete per forza rinunciare alla lunghezza. Se avete i capelli lunghi, chiedete al parrucchiere di rispettare la lunghezza e magari di cominciare la scalatura a metà testa.

Insomma, da qualche anno si è aperto un nuovo scenario sui capelli ricci e vi assicuro che il settore è in continua evoluzione, quindi non rinunciate alla vostra chioma riccia.

Ci vuole solo tanta pazienza e un pò di dedizione che, a noi donne, non manca di certo quando si parla di capelli.

Alla prossima!!!

No Comments

Post A Comment