Kate Middleton: make up semplice per i suoi 40 anni
Kate Middleton principessa di Cambridge, compie 40 anni e li celebra con un servizio fotografico e tre intensi ritratti sfoggiando un make up minimal e semplice
kate di Cambridge
15912
post-template-default,single,single-post,postid-15912,single-format-standard,bridge-core-2.7.6,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.2.2,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-26.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-11405
Kate Middleton

Kate Middleton: make up semplice per i suoi 40 anni

Kate Middleton, la bellissima principessa di Cambridge, ha compiuto 40 anni.

Lei, molto “principesca”, nella sua semplicità e con i suoi modi così composti da renderla umana, identificandola come una di noi, resta sempre Kate, la  moglie del principe William.

La sua immagine è sempre stata al centro dell’attenzione dei media, di chi si occupa di moda e di protocollo (cosa è adeguato indossare ad appuntamenti officiali).

A me personalmente è sempre piaciuta, mi ha sempre suggerito l’idea di una donna indipendente, nonostante tutto e poco incline a farsi bacchettare, conservando una propria identità.

I suoi outfit li ho sempre trovati sobri e appropriati, scelti in modo da conservare la sua immagine.

Per quanto riguarda il make up, non siamo abituati a vederla eccessivamente truccata.

Sia per tutti i giorni che per le occasioni officiali, l’ho sempre vista optare per dei trucchi nude, molto minimal e che puntano alla semplicità.

Make Up Kate MiddletonIl trucco di Kate Middleton

Il suo viso ha una struttura regolare, con zigomi alti e lineamenti ben proporzionati e nessuna imperfezione o discromia.

Sul suo viso sembrerebbe esserci giusto un velo di fondotinta, un soffio di cipria e mascara.

Le labbra le ho viste truccate in poche occasioni e comunque mai con toni eccessivamente accesi.

Partiamo anche da un dato, molto importante, sul quale far ruotare questa analisi: Kate Middleton, in armocromia, è stata classificata come Sping Bright.

Una primavera brillante che impone l’uso di colori caldi e luminosi.

ArmocromiaIn alcune immagini del web, che ho preferito non riportare, in questo articolo, l’ho vista penalizzata da un contouring accompagnato da un blush molto freddo che non solo non le donava ma le induriva di tanto i lineamenti.

Per le “primavera” l’ideale sono i blush caldi, così come per gli ombretti e i fondotinta dal sottotono caldo.

In questo modo si avrà un perfetto accordo armocromatico che regalerà, a chi li indossa, un’immagine davvero piacevole.

Per provare a ricreare un make up, ispirandosi alla principessa, possiamo partire da una skin care, curata e completa di tutti i passaggi, che doni luminosità ed idratazione.

Puntate, quindi, a prodotti a base di vitamina c e di acido ialuronico.

Utilizzate un fondotinta ultra leggero da stendere anche con le mani e settarlo, se necessario con un velo di cipria in polvere compatta che presenti un trito molto fine.

Il contouring, sebbene presente e strutturato, non è eccessivo e mira ad evidenziare gli zigomi, punto forte del viso della bella Kate.

Discutibili, le scelte realizzate per gli occhi. Intanto sono incorniciati da una bellissima e curata arcata sopraccigliare, dal corpo ben definito e per nulla sottile. Il risultato è uno sguardo morbido e molto intenso.

Sugli occhi, spesso troviamo una semplice matita, in una tonalità di marrone non troppo freddo, sfumata delicatamente sulla palpebra. A completamente del trucco occhi, troviamo una generosa, ma non pesante, cappa di mascara.

Raramente troverete truccata la rima inferiore, lasciando così, il risultato molto fresco e casuale.

Se volete un’idea di come sfumare la matita, in stile Kate, vi lascio il link a questo diretta Instagram (clicca qui)

In qualche occasione, più glamour, per lei è stato azzardato uno smoky, declinato in una tonalità di marrone freddo, con una sfumatura nella piega dell’occhio in un tono caldo.
Come risultato, devo dire, che non mi dispiace, anche se forse avrei abbassato leggermente l’intensità del marrone scuro.

Anche in questo caso, vi lascio un tutorial sulla realizzazione di uno smoky semplice ma d’effetto (clicca qui)

Trucco KateKate di Cambridge e i suoi 40 anni

Per questa importante occasione, la principessa ha scelto di farsi immortale dall’esperienza di Paolo Roversi, straordinario fotografo di moda e di Vip (suoi gli scatti di Monica Bellucci insieme alla figlia e i bellissimi ritratti di Elodie in bianco e nero).

Il look esibito da Kate, si presenta molto minimal e raffinato ma con un tocco di accennata maturità che la rende molto interessante.

Unico appunto, riguarda la tonalità degli scatti, un pò freddina per essere in linea armocromatica con Kate, tanto da farla apparire quasi un’altra persona.

La scelta è decisamente discutibile, gli scatti sono molto belli, da un punto di vista tecnico e mi piacciono, in quanto appassionata di fotografia, però sono la dimostrazione di come colori e sottotoni sbagliati possano penalizzare un pò l’immagine.

Anche per questi scatti, in questa occasione più che altro, per Kate è stato scelto un make up estremamente semplice. Gli occhi in primo piano, elegantemente incorniciati da una bellissima arcata sopraccigliare.

Sicuramente c’è la presenza di una matita, non troppo scura, leggermente sfumata sulla palpebra superiore e mascara.

Il contouring è praticamente inesistente, opzione non tanto corretta data l’essenzialità del trucco, soprattutto negli scatti in bianco e nero, in quello frontale in particolare dove appare completamente piatta, quasi indefinita e con i lineamenti confusi.

Chiaramente, da un punto di vista fotografico, la scelta non è discutibile ma, per un make up artist, questi dettagli non passano inosservati ed è per questo che durante uno shooting, debba esserci collaborazione tra i professionisti che si prendono cura dell’immagine della modella.

Per un make up artist, la conoscenza di luci e ombre, toni e sottotoni, in molti casi, fanno davvero la differenza.

Alla prossima!!!

No Comments

Post A Comment